ATTACCO OT EQUATOR:
Compatibile con tutte le piattaforme implantari

MAGGIORI INFO?

ATTACCO OT EQUATOR: Compatibile con tutte le piattaforme implantari

Disponibile in otto diverse altezze gengivali, OT Equator è l’attacco più piccolo a livello dimensionale presente sul mercato. Viene prodotto per essere compatibile con tutte le piattaforme implantari e garantisce una stabilità e ritenzione ottimali nei casi di overdenture su impianti. Il trattamento di nitrurazione al TIN garantisce una maggiore resistenza al titanio, passando da 300 a 1600 gradi Vickers. Per l’odontoiatra sono disponibili  molteplici cappette retentive con varie tenute elastiche dai 600 grammi fino a 2,5 kg.

Smartbox è il nuovo contenitore per le cappette elastiche con design ottimizzato grazie al meccanismo basculante (fulcro di rotazione interno). Permette l’inserimento passivo dell’attacco anche in condizioni di estreme divergenze fino a 50° tra gli impianti.

  • Il più piccolo attacco dentale per impianti disponibile oggi nel mercato
  • Disponibile per tutte le piattaforme implantari
  • Disponibile in 8 altezze gengivali da 0,5 mm fino a 7,0 mm
  • Fabbricato in titanio nitrurato (in testa) per garantire una maggiore resistenza all’usura nel tempo
  • Ritenzione elastica modulabile grazie alle diverse cappette disponibili
  • Grazie al contenitore SMARTBOX corregge divergenze implantari fino a 50°
  • Disponibile anche come attacco calcinabile e filettato per barre CAD CAM
  • Per ordinarlo è sufficiente indicare la marca dell’impianto, il diametro e l’altezza gengivale.
  • L’unico attacco utilizzabile sia in protesi rimovibile che in protesi fissa grazie al protocollo OT Bridge.
  • Certificato ISO 9001 – ISO 13485

Per avere maggiori informazioni e ricevere il catalogo tecnico-clinico Rhein83 contattare:  marketing@rhein83.it

MAGGIORI INFO?

Uso gli Ot Equator (RHEIN 83, Bologna, Italia) da molti anni.  Ho eseguito e pubblicato i risultati della mia ricerca sia con Locator che con gli Ot Equator e non ho riscontrato differenze nei risultati clinici e radiografici, nonché nella qualità della vita dei pazienti. Tenuto conto di questo, scelgo gli Ot Equator nella mia pratica quotidiana perché sono gli attacchi più piccoli nel mercato e permettono di avere più spazio per l’estetica e la funzione.

Dr. Marco TallaricoDDS, M.Sc. in Chirurgia Orale Professore a.c. presso l’Università di Sassari

Sono un utilizzatore dell’attacco OT Equator da diverso tempo. Di questo sistema ritentivo apprezzo la semplicità di utilizzo e la sua versatilità. Lo impiego nelle terapie protesiche in associazione con 2 impianti endossei per migliorare la stabilità delle protesi. Inoltre applico l’Equator, con una barra ed il sistema Seeger, quando ho necessità di rendere più semplici la costruzione di manufatti protesici su impianti endossei disparalleli, sia nella protesi rimovibile che nella protesi fissa utilizzando l’attacco come un vero e proprio multi-unit-abutment (MUA).

Dr. Luca Ortensi, BolognaProfessore a.c. presso l’Università di Catania

Quando si parla di protesi rimovibile su impianti si parla di attacchi sferici, negli ultimi anni la ricerca ha portato le aziende a produrre attacchi a basso profilo (tipo OT Equator/locator), numerose pubblicazioni ad altissima evidenza scientifica hanno stabilito che i livelli di manutenzione e le problematiche degli attacchi sferici comparate con gli attacchi a basso profilo con inserti in nylon intercambiabili sono a vantaggio di quelli a basso profilo, tipo OT Equator. Da tempo io stesso mi affido quasi esclusivamente a questi e ritengo di avere già un follow up di alcuni anni che mi permette di poter affermare che sono estremamente affidabili.

Prof. Andrea Borracchini, SienaM.D. D.D.S. Department of Biotechnology University of Siena, Professor and chair of Prosthodontics

PER MAGGIORI INFORMAZIONI

DOWNLOAD SCHEDE TECNICHE

per eseguire il download delle Schede Tecniche compilare il form